enter.gif (26881 byte)

SANTA GEMMA GALGANI

Vita in breve.
Gravi difficoltà e malattie contribuirono a purificarla. Protagonista di parecchi fenomeni mistici ricevette le stigmate. Più volte tentò di farsi religiosa ma la salute non glielo permise. Accolta da una famiglia e confortata spiritualmente dalle Passioniste, fu partecipe dei dolori della Passione. Il padre spirituale, che le fu vicino a lungo, escluse l’isteria nella difese da dubitava dell’origine mistica di ciò che le accadeva. Restano di le numerose lettere e l’autobiografia che riflettono una discreta cultura teologica e la psicologia di una giovane ricca di intuito e di sensibilità. E’ la più grande mistica e stigmatizzata del XX secolo.

Preghiera.
O Santa Gemma, quanto pietoso era il tuo amore per i miseri, quanto grande il tuo zelo per aiutarli! Vieni anche in mio aiuto, nei miei presenti bisogni, ed ottienimi la grazia... se è profittevole all’anima mia. I numerosi miracoli, le meravigliose grazie attribuite alla tua intercessione infondono in me la fiducia che tu mi potrai aiutare. Prega Gesù, il tuo Sposo Celeste, per me: mostrandoGli le stigmate che il suo Amore ti ha donato, ricordandoGli il sangue che da esse stillavi, gli spasimi che tu hai sopportato, le lacrime che tu hai versato per la salvezza delle anime, poni tutto questo tuo tesoro prezioso come in una coppa d’amore, e Gesù ti esaudirà. Amen. Padre, Ave, Gloria
Novena.
(dal 2 al 10 aprile)

O dolce vergine di Lucca.
Sposa indissolubile dell’Amore crocifisso.
A te oggi presento umilmente la mia supplica.
A te ricorro perché sei degno strumento di intercessione presso l’Altissimo.
 
Gemma, sorellina mia
donami di imparare l’Amore che non osa chiedere nulla per sé
ma che tutto sa donare all’altro.
Concedimi di scoprire quanto volentieri si soffre quando veramente si Ama.
Permettimi di soffrire facendo mie le sofferenze dei miei fratelli
e di non considerare più le mie.
Insegnami a conoscere che solo l’Amore crocifisso sa amare.
 
Gemma , sorellina mia
oggi indegnamente presento a te la mia  povera preghiera e i miei piccoli atti
di mortificazione perché …..(si mette l’intenzione e la/e persona/e per la quale sono stati compiuti)….
 
Gemma, sorellina mia
presenti tu al tuo Sposo crocifisso questa sua sofferenza?
Intercedi tu presso Gesù per questa sua necessità?
Perché a te l’Altissimo e la Mamma Sua  nulla sanno negare.
 
Gemma sorellina mia
tutto ti offro perché le tue mani immacolate tutto trasformino,
i tuoi meriti coprano le mie colpe,
la tua verginale dignità supplisca alla mia indegnità,
l’amore del tuo cuore domandi ciò che l’aridità del mio non merita di ottenere.
 
Si fa una pausa e si aspettano alcuni istanti mentre
con fede lasciamo che Gemma domandi tutto a Gesù…

 
E adesso che tutto questo hai domandato al tuo Sposo
io ti rendo grazie a nome di (si rimette il nome della/e persona )
e ti chiedo di servirti di me, a tuo piacimento,
perché Gesù e Maria ne abbiano la massima gloria

 

home.gif (1016 byte)

                                    Copyright © 2003. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione di testi ed immagini.